3 febbraio 2020

Vigili del Fuoco di Rimini: esercitazione inclusiva sulla linea del Metromare

In azione nove Vigili del Fuoco di Rimini, guidati dal Comandante Gianfranco Tripi, e quindici operatori del 118 Romagna Soccorso

Vigili del Fuoco di Rimini esercitazione evacuazione incendio Bus con disabileAlle 22 di giovedì 30 gennaio è stata effettuata una simulazione di intervento sulla linea del Metromare. In azione nove Vigili del Fuoco di Rimini, guidati dal Comandante Gianfranco Tripi, e quindici operatori del 118 Romagna Soccorso. I mezzi coinvolti: un bus da 18 metri del Metromare, due ambulanze, un'auto medica e un'autopompa-serbatoio dei Vigili del Fuoco.

L'esercitazione ha riguardato la simulazione di un incendio nel bus, con presenza a bordo di persone con disabilità, in un luogo che rendeva i soccorsi più difficili: il tratto tra le stazioni Kennedy e Pascoli in direzione Riccione, con corsia a un solo senso di marcia e a fianco un lato della linea ferroviaria Bologna-Bari, dall'altro un alto muro di cinta.

"Le operazioni si sono svolte con precisione e secondo i programmi stabiliti, nel tratto più sotto osservazione del tracciato. Le operazioni, volutamente rese ancora meno agevoli ipotizzando l’impossibilità di evacuare le persone disabili ed i feriti attraverso le normali porte del bus e dunque utilizzando i finestrini di emergenza, si sono svolte in sicurezza sia per il personale di soccorso, sia per i viaggiatori a bordo, con il corretto svolgimento delle operazioni di soccorso, adeguatamente pianificate", Comando dei Vigili del Fuoco di Rimini. Tutta la documentazione video e fotografica è stata analizzata il giorno successivo venerdì 31 gennaio in un debriefing volto a condividere osservazioni utili ad integrare il piano di intervento coordinato dei vari protagonisti, oltre alla verifica delle modalità di accesso dall'esterno o di evacuazione dall'interno della linea, che ha varchi controllati lungo il percorso.

L’intervento va collocato nel programma di attività sistematiche da svolgersi sul campo, precedute nei giorni scorsi dall'invio di alcuni dei mezzi di linea della START presso il Comando dei Vigili del Fuoco per consentire di migliorare la conoscenza da parte degli operatori del soccorso delle criticità connesse ai sempre più variegati sistemi di alimentazione dei bus (linea elettrica, gasolio, metano, batterie e, in futuro, GNL) circolanti nel territorio. Tali attività saranno ripetute anche in seguito, per verificare l’efficacia e la tempestività delle procedure condivise, al fine dell’intervento coordinato dei vari enti coinvolti, a coronamento di una serie di incontri per la definizione delle stesse.

Fonte:CNVVF (twitter), Altarimini, Giornale di Riccione

Articoli correlati:

Esercitazione Cesiomaggiore: gli alunni delle scuole conoscono i mezzi di scocorsoEsercitazione Cesiomaggiore: VVF e studenti con disabilità

esercitazione sant'OnofrioEsercitazione a Sant’Onofrio: simulato soccorso a persona con disabilità

esercitazione inclusiva calabria Esercitazione inclusiva di protezione civile in Calabria

Esercitazione Vibo Valentia: evacuazione di una persona disabile in carrozzina da parte dei VVF Esercitazione dei Vigili del Fuoco: soccorso e disabilità

 A Perugia esercitazione inclusiva del nucleo SAF dei Vigili del Fuoco

 Pompieropoli: i bambini giocano a fare i VVF tra sicurezza e inclusione

Galleria degli Uffizi esterno Galleria degli Uffizi: prove di evacuazione e disabilità