Ad Ascoli Piceno la mappatura delle persone con disabilità per l’emergenza

Il Comune di Ascoli Piceno avvia il "Progetto Disabilità in Emergenza", in collaborazione con l’Ordine degli architetti e le associazioni di categoria per la mappatura delle persone con disabilità: conoscere tutti i cittadini disabili, sapere quale la loro autonomia, quali ausili utilizzano e dove si trovano le loro abitazioni per riuscire intervenire prontamente in caso di emergenza

 

Il Comune di Ascoli Piceno, in seguito ai recenti eventi sismici, ha ritenuto di prestare particolare attenzione ai cittadini con specifiche necessità e in particolare alle persone con disabilità e anziani bisognosi di sostegno. Per questo motivo il Comune ha predisposto, in collaborazione con l'Ordine degli Architetti di Ascoli Piceno e le associazioni locali che rappresentano le persone con disabilità, il servizio "Disabilità in Emergenza", attraverso il quale interverrà sulle specifiche necessità di coloro che vivono situazioni di parziale autonomia. Il progetto porterà nel più breve tempo possibile a una mappatura delle persone con disabilità. 

Obiettivo è acquisire informazioni utili a garantire la sicurezza dei cittadini verificando le condizioni di accessibilità dell'alloggio in relazione ad attività di soccorso o evacuazione. Contestualmente verranno fornite indicazioni sui comportamenti adeguati da adottare in caso di emergenza, promuovendo l'adozione di piani di emergenza familiari specifici. Con questo servizio l'amministrazione intende affiancare il cittadino nella propria abitazione garantendone la massima sicurezza.

Le persone interessate possono chiamare il numero messo a disposizione dal Comune 0736/298595 per richiedere il sopralluogo della squadra composta da architetti e volontari delle associazioni. Per le persone sorde il contatto sarà possibile attraverso il servizio Skype all'indirizzo [email protected] Il servizio verrà attivato dopo la compilazione del modulo di richiesta che si può scaricare dal sito web del Comune o ritirare negli uffici comunali. I moduli compilati dovranno essere consegnati all'ufficio Protocollo del Comune di Ascoli, in piazza Arringo 7 o inviati tramite mail all’indirizzo: [email protected] o Pec all’indirizzo: [email protected]

La squadra che farà visita alla famiglia sarà composta da due architetti, volontari dell'associazione di riferimento e un volontario scout, tutti muniti di tesserino di riconoscimento: verranno rilevate le specifiche necessità della persona con disabilità, le condizioni di salute e le caratteristiche dell’alloggio per garantire tempestività ed efficacia di eventuali interventi di supporto o soccorso.

Le associazioni che aderiscono al progetto con i propri volontari sono: Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), Angsa (Associazione Nazionale Genitorio Soggetti Autistici), Aniep (Associazione Nazionale per la Promozione e la Difesa dei Diritti delle Persone Disabili), Anmic (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili), Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro), Apm (Associazione Paraplegici Marchigiani), Ens (Ente Nazionale Sordi), La Meridiana, Pagepha e Uici (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti). 

Non esiste ‘la disabilità’ - sottolinea il sindaco di Ascoli, Guido Castelli -, esistono le persone che presentano vari gradi di disabilità. Persone con condizioni di vita e atteggiamenti affettivi particolari. Attraverso questo approccio, attraverso la moderna cultura di sostegno alla disabilità, vogliamo esaltare l’attenzione alla persona, piuttosto che alla categoria: vogliamo conoscere il mondo interiore e le circostanze in cui vive il soggetto che andiamo a proteggere”.

Fonte: Comune di Ascoli Piceno, Redattore Sociale

Link utili: Comune di Ascoli PicenoOrdine degli Architetti di Ascoli Piceno, Aism, AngsaAniepAnmicAnmil, ApmEns, La MeridianaPagephaUici

Articoli correlati:

 Convegno nazionale “Emergenza e Fragilità: la sicurezza inclusiva”

 Dalla progettazione alla pianificazione dell’emergenza

 La disabilità in emergenza: incontro formativo a Scordia

 Progetto Emergenza e Disabilità a Priolo e Siracusa
 Emergenza e Disabilità: anche a Comiso volontari preparati al soccorso 

Emergenza e Disabilità: esercitazione a Comiso

 Concluso il convegno “Sicurezza Emergenza e Persone con Esigenze Speciali” a Enna 

 Convegno a Enna “Sicurezza, Emergenza e persone con esigenze speciali” 

 Comiso, simulazione di emergenza con i cittadini disabili 

 Enna, corso sulla gestione della disabilità in emergenza 

Terremoto a Siracusa e Priolo: esercitazione di Protezione Civile