24 aprile 2018

Messina: “Emergenza e disabilità” nel Piano di Protezione Civile

Il nuovo Piano di Protezione Civile di Messina, in fase di approvazione, prevede misure di sicurezza per le persone con disabilità

MessinaL'amministrazione comunale della città metropolitana ha disposto nel percorso di approvazione del nuovo Piano di Protezione Civile di Messina una sezione con misure per la gestione e pianificazione di emergenza per le persone con specifiche necessità nel territorio: Sezione 15 - “Emergenza e Disabilità”. Il ruolo dei tecnici è importante, sia nella redazione di tali strumenti che nella progettazione di edifici e del territorio, per i quali, accessibilità e sicurezza diventino requisiti determinanti per la riduzione del rischio nell'ambito di un’emergenza.

L’amministrazione comunale, con l'aggiornamento del piano, vuole garantire una protezione integrale anche a chi, temporaneamente, si trova in uno stato di disabilità anche parziale (es. donne in stato di gravidanza, persone con arti fratturati, ecc.).

Per attuare questa collaborazione si sono tenuti diversi incontri con le categorie rappresentative delle diverse disabilità al fine di stabilire le specifiche esigenze e costituire un gruppo di lavoro che affronti in maniera organica le esigenze territoriali di tali categorie di cittadini. Nell’ambito del COC, alla Funzione F9 “Assistenza alla Popolazione” si affiancherà un gruppo di persone che rappresenteranno le categorie di persone disabili e le esigenze che si dovessero presentare in situazioni di macro emergenze.

Nel documento vengono individuate 2 fasi strutturate in un percorso che parte dalla pianificazione fino alla gestione dell'emergenza:

La Fase 1 prevede l'incontro con i rappresentanti della Consulta delle associazioni di volontariato di protezione civile e sociale e i rappresentanti delle associazioni delle categorie dei disabili presenti sul territorio; la realizzazione di un censimento delle persone non autosufficienti, per costruire una mappa dettagliata della loro posizione sul territorio; il coinvolgimento di personale specializzato sulle disabilità sia del servizio sanitario nazionale, sia delle associazioni di volontariato. 

La Fase 2 individua le misure da attuarsi prima e durante il verificarsi dell’emergenza; la procedura per  l’evacuazione delle persone disabili, esercitazioni con i disabili e l'individuazione di aree di attesa idonee. 

Nel documento vengono, infatti, individuate le misure da attuare prima di un'emergenza e i comportamenti idonei per assistere i soggetti fragili in emergenza. L'amministrazione vuole in questo modo rendere il nuovo piano uno strumento completo e inclusivo a 360 gradi per tutta la popolazione.

Fonti: Piano di  Protezione Civile Sezione 15 - Emergenza e Disabilità

Link utili: Protezione Civile di Messina,  Piano di  Protezione Civile Comunale 2017 (in approvazione), Comune di  Messina, Linee guida per una politica della gestione dell'emergenza delle persone con disabilità della Regione Sicilia

Articoli correlati: 

piano di emergenza: censimento disabili Al via il censimento dei cittadini con disabilità a Barcellona Pozzo di Gotto

Popolazione fragile in emergenza Popolazione fragile: gestione integrata per la sicurezza a Messina

primo piano dello schermo di un tablet Comunicazione, Emergenza, Social Network. Qual è il collegamento?