9 aprile 2020

Covid-19: Consulenze a distanza del Centro malattie oculari rare

A Napoli il Centro Malattie Oculari rare dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Luigi Vanvitelli offre supporto alle persone cieche ed ipovedenti 

il Centro malattie oculari rare offre aiuto a distanza ai pazienti

Il Centro Malattie Oculari Rare dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Oculistica dell’Università della Campania “L.Vanvitelli”, per offrire un aiuto concreto alle persone non vedenti e ipovedenti in un momento di difficoltà a causa delle restrizioni legate all’emergenza epidemiologica da Covid-19, mette a disposizione dei pazienti una consulenza a distanza da parte di esperti del settore, come di seguito specificato.

Un tecnico in orientamento mobilità e autonomia personale offrirà consulenza e supporto ai pazienti con disabilità visiva e ai contesti familiari con l’obiettivo di guidare le persone in trattamento, verso un processo di miglioramento della qualità della vita, mediante l’acquisizione di tecniche e strategie necessarie per effettuare le operazioni indispensabili nella vita quotidiana con il più alto grado di autonomia e partecipazione.

Uno psicologo offrirà uno spazio di ascolto e supporto psicologico a distanza, come sostegno nella realizzazione di un circolo virtuoso che aumenti il “quoziente di resilienza” dei singoli pazienti con disabilità visiva e dei loro familiari in un momento di preoccupazione e smarrimento, legato alle distanze forzate, nonché al confronto con uno stile di vita “altro”, rispetto a quelli a cui si è abituati.

Per prenotare tali consulenze, i pazienti potranno chiamare il numero 0815666762 o scrivere all’indirizzo [email protected]

Il Centro Malattie Oculari Rare è stato di recente riconosciuto quale Centro di Riferimento Europeo, nell'ambito dell’European Reference Network (ERN) for Rare Diseases. Inoltre, il Centro è sede dell’Unità di Terapie Oculari Avanzate, nata dalla sinergia tra Fondazione Telethon, Ateneo e l’AOU Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, dedicata alla sperimentazione di strategie terapeutiche innovative per il trattamento delle patologie oculari rare. Gli ambienti del nuovo reparto sono dotati di un percorso tattile “intelligente”, che, tramite il bastone elettronico e messaggi vocali sul telefonino, indirizza il paziente negli spostamenti nel reparto.

FonteAOU dell'Università della Campania L.Vanvitelli

Link utili: Malattie rareEuropean Reference Network (ERN) for Rare Diseases, Reti riferimento europee per le malattie rare, Fondazione Telethon

Articoli correlati:

Giulio Nardone Associazione Disabili Visivi Intervista al presidente dell’Associazione Disabili Visivi Giulio Nardone

persona cieca con cane e accompagnatore per Coronavirus e disabilità visiva Coronavirus e disabilità visiva: intervista al presidente dell’UICI Mario Barbuto