Resolute: prove di esondazione a Firenze con le nuove tecnologie per la resilienza

Il 7 febbraio si è tenuta a Firenze un'esercitazione nell'ambito del Progetto Europeo Resolute con l'uso di app e tablet per la raccolta dati in tempo reale e l'elaborazione di strategie per l'evacuazione

Oltre 60 fra professionisti dell’Asl 118, volontari della Protezione Civile, tecnici della mobilità del Comune di Firenze, dell'azienda Silfi e della Città Metropolitana, guidati dai ricercatori dell’Università degli Studi  di Firenze e dai tecnici del Comune e dagli altri partner del Progetto Europeo Resolute, hanno testato, per le strade del Galluzzo, l'app prodotta dall'Information Technology Institute di Salonicco e la dashboard prodotta dall'Università di Firenze (laboratorio Disit) nel progetto Resolute.

Un progetto che consiste in un'app per suggerire percorsi di evacuazione durante un’emergenza, a partire dai dati in tempo reale forniti dai sistemi opendata e di controllo della mobilità del Comune di Firenze, e tramite la piattaforma dati sviluppata dall’Università di Firenze, coordinatore del progetto Resolute. Analoga esercitazione si è tenuta pochi giorni fa ad Atene simulando un attacco terroristico alla metropolitana della capitale greca.

Esercitazione. I volontari sono stati suddivisi in due gruppi, ciascuno con 5 tablet e l’app installata, guidati dagli operatori presso la Sala di Controllo della Protezione Civile ed è stata simulata un’esondazione del fiume Ema con una conseguente evacuazione della popolazione e alcuni interventi di soccorso a operatori che simulavano cittadini con disabilità.

Elemento di innovazione è stato il sistema di aggregazione dei dati e supporto decisionale connesso all’app che raccoglie dati del traffico e dei cantieri in tempo reale ed elabora la strategia migliore di proposta di percorsi di evacuazione. Gli esperti della Mobilità e della Protezione Civile valutano poi le soluzioni migliori, sulla base della loro conoscenza di eventi simili, di traffico o di emergenze di protezione civile.

Esercitazione progetto ResoluteI test si sono svolti nella mattinata di mercoledì 7 febbraio. Nel pomeriggio invece i tecnici del 118, della Protezione Civile, di Silfi, il mobility manager del Comune e i partner di Resolute si sono ritrovati presso la Direzione Sistemi Informativi del Comune per validare la dashboard a supporto decisionale prodotta dall'Università di Firenze, contenente numerosi dati in tempo reale utili alla gestione della resilienza cittadina: dati da sensori di temperatura, dati meteo, allerte protezione civile, dati del traffico o eventi significativi in città.

La giornata di valutazione si colloca nell'ambito della Settimana dell’Amministrazione Aperta.

Resolute: l’obiettivo del progetto è quello di valutare la resilienza dei sistemi di trasporto urbano a seguito di eventi catastrofici e predisporre delle linee guida di comportamento utili per ottenere il minor danno nel modo più sostenibile possibile a livello umano ed ecologico. Il progetto intende accrescere l’efficienza operativa complessiva delle operazioni dei soccorsi, ottimizzando l'assegnazione e l'utilizzazione delle risorse disponibili, riducendo al minimo incidenti, infortuni e danni ecologici.

Fonti: Comune di Firenze - comunicato stampaProgettoResolute, Scheda progettoResolute - Comune Fi

Link utili: Comune  di Firenze,  Università degli Studi di Firenze, Cespro, Silfi, Disit,

DashboardResolute

Articoli correlati:

vigili del fuoco in una piscina durante una simulazione mugnone 2016 Esercitazione Mugnone: occasione per testare la mappatura delle persone con disabilità
 Esercitazione di protezione civile a Firenze: simulata l’esondazione del Mugnone
un uomo di spalle con la giacca della protezione civile della Provincia di Firenze Protezione civile Firenze: presentato il piano per il rischio idraulico