25 luglio 2016

Comune di Prato e Pedius insieme per i cittadini sordi

Il comune di Prato e Pedius insieme per i sordi
 
Da venerdì 22 luglio 2016 la collaborazione tra il Comune di Prato e Pedius permetterà ai cittadini sordi residenti di poter facilmente mettersi telefonicamente in contatto con la centrale operativa della polizia locale, nel pieno rispetto della privacy 

 

Grazie alla collaborazione tra il Comune di Prato e Pedius, il servizio di telefonia che utilizza le tecnologie di sintesi e riconoscimento vocale, le persone con disabilità uditiva pratesi potranno telefonare autonomamente alla polizia per segnalare incidenti o situazioni critiche

Dopo Trieste e Andria, anche Prato entra a far parte dei Comuni telefonicamente accessibili, permettendo ai propri cittadini sordi un contatto diretto con le forze dell’ordine.

Grazie a Pedius, che dal 2013 è impegnato nel rendere paritari e accessibili vari servizi, la persona sorda potrà digitare un messaggio utilizzando la tastiera e in questo caso una voce artificiale lo leggerà all'interlocutore udente. Dall'altra parte, le parole dell'interlocutore verranno tradotte in testo e compariranno sul display dell'utente come in una normale chat.

Ad oggi, l’applicazione è diffusa in 9 paesi (Italia, Regno Unito, Irlanda, Francia, Spagna, Canada, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia) e registra più di 12.000 utenti.

Fonte: Sordi online 

Link utili: Comune di Prato,  Pedius

Articoli correlati:

Logo app Pedius Ecco Pedius, servizio di telefonia per le persone sorde