17 dicembre 2020

Look to Speak – app per comunicare con gli occhi

“Look to speak” è l’app di Google per facilitare l'accessibilità alla comunicazione, si tratta di un'interfaccia di sintesi vocale che può essere comandata con lo sguardo.

look to speak la nuova app di google per facilitare la comunicazioneGoogle ha sviluppato una nuova app che si chiama Look to Speak per consentire alle persone che non possono usare la voce e le mani a causa di una disabilità, di comunicare tramite smartphone. Si tratta di un'app che consente alle persone di usare gli occhi per scegliere frasi pre-scritte da pronunciare  ad alta voce tramite il telefono.

Con quest'app le persone devono semplicemente guardare a sinistra, a destra o in alto per selezionare rapidamente ciò che vogliono dire da un elenco di frasi. La caratteristica principale dell'app  è la possibilità di personalizzare le parole e le frasi: consente alle persone di condividere la loro voce . Le impostazioni di sensibilità dello sguardo possono essere regolate e tutti i dati rimangono privati ​​e non lasciano mai il telefono. Per aiutare le persone ad utilizzare quest'app è stato creato un tutorial e una guida, ad esempio con suggerimenti su come posizionare il telefono o utilizzare l'interazione semplificata dello sguardo.

"Look to Speak" è un progetto creato sulla piattaforma "Esperimenti con Google", con l'obbiettivo di avere un impatto importante sulle persone che hanno difficoltà a comunicare a causa di una disabilità.

"Ciò che è stato sorprendente vedere" - afferma Richard Cave, logopedista che ha collaborato al progetto - "è stato come Look To Speak potesse funzionare laddove altri dispositivi di comunicazione non potevano essere facilmente posizionati, ad esempio all'aperto, in transito, sotto la doccia e in situazioni urgenti".

  Fonte: Google
 

google duo Google Duo si aggiorna: arrivano i sottotitoli per messaggi audio e video

 Google, Dimitri: «Sono sordo, lo smartphone è il mio traduttore»

immagine icona google chrome Google utilizza l’Intelligenza Artificiale per descrivere le immagini