10 ottobre 2016

Io non rischio 2016: campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

io non rischio 2016
Si avvicina il weekend dedicato alla campagna nazionale di comunicazione sui rischi naturali che interessano il nostro Paese: rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto. Giovedì 13 ottobre la conferenza stampa di presentazione della campagna Io non rischio 2016

 

Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, incontrerà la stampa giovedì 13 ottobre alle ore 10:30 a Roma, presso la sede istituzionale del Dipartimento della Protezione Civile in via Ulpiano 11, per presentare Io non rischio 2016, la campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che tornerà in circa 700 piazze italiane il 15 e 16 ottobre.

Alla conferenza stampa parteciperanno il Presidente di Anpas - Associazione nazionale pubbliche assistenze, Fabrizio Pregliasco, il Direttore di INGV - Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Daniela Pantosti, il Professor Angelo Masi di ReLUIS - Rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica, e per ISPRA - Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, il geologo Responsabile dell’Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia (IFFI), Alessandro Trigila.

Protagonisti della campagna, giunta alla sesta edizione, sono i volontari e le volontarie – appartenenti alle sezioni locali di 27 organizzazioni nazionali di volontariato di protezione civile, nonché a gruppi comunali e associazioni locali – formati nei mesi scorsi sotto il coordinamento del Dipartimento della Protezione civile per diffondere la cultura della prevenzione del rischio nei territori dove operano ordinariamente. Nel dibattito formativo è intervenuto anche il gruppo di lavoro Abili a proteggere, con l'obiettivo principale di dare ai volontari consigli e suggerimenti utili su come comunicare con le persone con disabilità, che potrebbero recarsi nelle piazze italiane per informarsi sui temi della campagna e sui rischi presenti sui territori. Il volontariato si trasforma quindi in uno strumento attivo di comunicazione delle buone pratiche di protezione civile.

«La sesta edizione di Io non rischio si carica di un valore aggiunto, cadendo a poco meno di due mesi dal terremoto che lo scorso 24 agosto ha colpito il Centro Italia» ha detto il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. «Mentre si avvicina la campagna, infatti, l’intero Servizio Nazionale della Protezione Civile, tra cui anche alcuni volontari che saranno nelle piazze i prossimi 15 e 16 ottobre, è impegnato nella gestione dell’emergenza. Le terribili immagini delle aree colpite rendono ancora più evidente, per tutti noi, l’importanza di sensibilizzare i cittadini alla consapevolezza dei rischi e alle conoscenza delle buone pratiche di prevenzione. Anche su questo non arretreremo di un centimetro».

campagna nazionale Io non rischio 2016

“Io non rischio”, campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas, Ingv e Reluis. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra, Ogs - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo - Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab - Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi - Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Dal 3 all’8 ottobre anche la Testata Giornalistica Regionale della Rai è entrata nello spirito della campagna con una serie di approfondimenti dedicati al tema della prevenzione. Per una settimana i giornalisti Rai hanno dedicato uno spazio all’interno dei telegiornali e giornali radio, nelle rubriche del mattino come Buongiorno Italia e Buongiorno Regione, sui siti web e sui social della testata, al racconto del sistema di protezione civile nelle realtà regionali, con un focus sui rischi del territorio e sulle modalità con cui affrontarli.

Sul sito della campagna Io non rischio 2016 è possibile consultare l’elenco delle piazze interessate dall’iniziativa del 15 e 16 ottobre,  lo spot e i materiali informativi e indicazioni su cosa sapere e cosa fare per proteggersi dai rischi naturali alluvione, maremoto e terremoto.

Tweetstorm per Io non rischio. Io non rischio lancerà l’iniziativa su Twitter: per partecipare al tweetstorm basta copiare i tweet e pubblicarli dal proprio account Twitter, il 13 ottobre, dalle 11.00 alle 13.00. Gli hashtag selezionati per il tweetstorm sono #iononrischio2016 e #cuorealcentro: il primo, come riferimento alla sesta edizione della campagna, il secondo come segnale di vicinanza alla popolazione del Centro Italia colpita dal terremoto del 24 agosto e di impegno di tutto il Servizio nazionale della protezione civile per questa emergenza. Preghiamo tutti di non utilizzarli e non diffonderli prima del 13 ottobre, una accortezza fondamentale per raggiungere l’obiettivo di vederlo entrare quel giorno nella lista dei trending topic italiani. Per maggiori informazioni consultare la pagina dedicata.

Fonte: Io non rischio e Redazione

Link utili: sitopiazzespotalluvione, maremototerremotopagina dedicata

Articoli correlati: 

 io-non-rischio-protezione-civile-e-disabilita La disabilità tra i temi del training ai volontari formatori Io non rischio 

 iononrischio_banner1 I volontari Anpas promuovono “Io non rischio”, Campagna nazionale per le buone pratiche di Protezione Civile

Link utili: Io non rischioDipartimento della Protezione CivileAnpasINGVReLUISISPRAOgs, AiPoArpa Emilia-RomagnaCamiLabFondazione CimaIrpi