Braille Sense U2 Mini, arriva in Italia il primo tablet per i non vedenti

Arriva anche in Italia Braille Sense U2 Mini, un Note Taker di nuova generazione dalle prestazioni eccezionali che permette alle persone non vedenti la massima autonomia in ogni ambiente

 

Braille SENSE U2 Mini è dotato di un display 18 celle Braille e di sintesi vocale. Basta un comando e le informazioni di maggiore interesse sono subito disponibili in Braille e in voce.

Leggero e compatto, è facilmente trasportabile e maneggevole e rispetto al tradizionale notebook si rivela di facile utilizzo in qualunque ambiente. Tra le funzioni più interessanti che presenta ci sono: Gestione File, Editor, Email, Media (Radio FM, Youtube, Media Player, Lettore Daisy), Organizer (Rubrica, Agenda, Database), Internet e Social Network (Twitter, Google, Talk, Sense chat). Non mancano neppure Dizionari, Google Maps, Sense GPS, Lettore Excel, Dropbox e giochi.

È stato presentato oggi in contemporanea in sei città: nella sede dell'Unione Ciechi di Padova, nella sede della Cooperativa Aurelio Nicolo di Bari, nelle sedi della Lega del Filo d'Oro di Lesmo e di Roma, nella sede dell'Associazione 104 Orizzontale presso Palavolcan di Acireale (CT) e nella sede dell'Associazione Apri di Torino.

Lo strumento  è un oggetto dalle piccole dimensioni (17,2x9x2,7 cm e 425g di peso) che permette ai non vedenti di connettersi facilmente con tutti i sistemi che normalmente usano le persone per comunicare (SmartPhone, PC, ecc...).

Un bimbo a scuola può leggere testi e fare compiti, una persona può relazionarsi con i social network, un professionista o lavoratore può scrivere testi, elaborare dati, inviare e ricevere mail, prendere appunti e registrare conferenze. Lo strumento già in uso presso la Lega del Filo d'Oro permette alle persone sordo cieche di comunicare facilmente tra loro, oltre che con gli altri, grazie anche all'introduzione delle segnalazioni a vibrazione.

Braille Sense Mini in Italia è fornito, per molti non vedenti, attraverso il sistema sanitario nazionale come strumento per l'accessibilità e la comunicazione.

Autore: Roberta Ragni

Fonte: GreenMe