24 dicembre 2019

Comune di Frascineto: approvato modello d’intervento sulle priorità delle persone con disabilità in emergenza

Il Comune di Frascineto (CS) lo scorso 17 dicembre ha approvato il piano speditivo di protezione civile ponendo così le basi per la tutela delle persone con disabilità nelle situazioni di emergenza 

Una persona in carrozzina viene accompagnata da un'altra.Il Comune di Frascineto con la delibera n. 37 del 17 dicembre 2019 ha approvato il Piano speditivo di protezione civile all'interno del quale sono state poste le basi per la gestione dell'emergenza a tutela delle persone con disabilità. Infatti il modello d'intervento elaborato dall'ufficio tecnico comunale ha recepito le indicazioni fornite dalle federazioni FISH Calabria e FAND Calabria e dell'associazione Soccorso Senza Barriere.

Il piano contiene le informazioni necessarie alla popolazione in caso di emergenza. In particolare, sul tema della disabilità:

  • Scheda n. 3 - "Dettaglio Mappa sinottica della disabilità". Il rischio per le persone con disabilità è presente su tutto il territorio Comunale. 
  • Scheda n. 5 - "Sala Operativa Comunale". Nella Funzione sanità, veterinaria, assistenza sociale e psicologica è previsto che in condizioni ordinarie bisogna "mantenere elenchi aggiornati dei disabili e delle persone con particolari esigenze, con particolare attenzione a quelli presenti nelle aree a rischio" e in emergenza bisogna "assicurare l’assistenza alle persone con disabilità". 
  • Scheda n. 6 - "Modello di intervento". Nella fase di attenzione (giallo), la funzione n. 3 "allerta le associazioni socio-sanitarie per probabili trasferimenti di infermi e persone con disabilità in aree predefinite". Nella fase di preallarme (arancione), la stessa funzione n. 3 "allerta le associazioni socio-sanitarie per probabili trasferimenti di infermi e Persone con disabilità in aree predefinite che abbiano le caratteristiche di ospitare tale Persone" e "allerta le associazioni di volontariato individuate in fase di pianificazione per l’utilizzo in caso di peggioramento dell’evoluzione dello scenario per il trasporto, assistenza alla popolazione presente nelle strutture sanitarie e nelle abitazioni in cui sono presenti malati “gravi” e/o Persone con Disabilità". La funzione n. 2 "verifica la disponibilità di strutture per accogliere le persone con disabilità".  Entrambe le funzioni predispongono "l’evacuazione di persone con disabilità o di malati “gravi” utilizzando le associazioni di volontariato socio – sanitario". Nella fase di allarme la funzione n. 2 predispone l’evacuazione delle persone con disabilità, assicura una valutazione delle condizioni e delle necessità e consiglia il sindaco sulla destinazione per le persone Vulnerabili , attraverso la scheda SVEI del Dipartimento Nazionale di protezione civile. Assicura, inoltre, "l’assistenza alle persone con disabilità" e, tramite il volontariato, la "raccolta dati oggettivi delle persone vulnerabili tramite la scheda SVEI e confronta i dati con le schede della DGR 135/2015 e la mappa sinottica della disabilità per verificare che nelle aree di attesa siano presenti tutte le Persone con Disabilità Censite"
  • Allegato 8 - "Mappa sinottica delle persone con disabilità scala 1:5000"
  • Allegato 11 - "Schede dei percorsi di fuga delle persone con disabilità"

Fermo restando quelli che sono gli elementi certi su cui si basa il soccorso, la mappa sinottica della disabilità si pone come strumento statico che permette agli operatori del soccorso di avere, nell'immediato, certezza della tipologia di disabilità. Al contempo il modello di intervento si pone come elemento che deve dare una scala di priorità gerarchica in base alle specifiche gravità di disabilità.

Dalle conferenze di servizio avute nel Comune di Casali del Manco dell’11 aprile scorso è emerso con riferimento al modello di intervento che esso si interseca in maniera trasversale con l’evento stesso e con la realtà che può essere oggetto di valutazione dinamica da parte dei soggetti addetti al soccorso.

La conferenza di servizio è stata convocata al Comune di Frascineto il 25 ottobre 2019 per dare seguito all'attività di pianificazione e all’art.11 della Convenzione ONU del 2006, che richiama che in Situazioni di rischio ed emergenze umanitarie la Convenzione pone in capo agli Stati Membri che vi aderiscono l’impegno a prendere "tutte le precauzioni necessarie per garantire la protezione e la sicurezza delle persone con disabilità in situazioni di rischio, incluse le situazioni di conflitto armato, di emergenze umanitarie e disastri naturali".

La federazione FISH Calabria propone un documento nel quale si afferma che “Sicuramente un canale prioritario va pensato per le persone con disabilità attaccate ad un macchinario da cui dipende la propria possibilità di sopravvivenza nonché per le persone che vivono da sole in un’abitazione. A seguire va posta l’attenzione sulle pluri-disabilità, le disabilità intellettive e relazionali, le disabilità motorie e disabilità sensoriali con una particolare considerazione per le persone cieche e a seguire sorde.” Tale proposta è stata Condivisa è fatta propria dalla federazioni FAND, dall'associazione Soccorso Senza Barriere e Forum Terzo Settore.

Tutto ciò è stato quindi recepito dall'amministrazione di Frascineto attraverso la delibera approvata il 17 dicembre e per questo motivo i presidenti delle associazioni Nunzia Coppedè, FISH Calabria, Maurizio Simone e Gianfranco Pisano, rispettivamente di FAND Calabria e Soccorso Senza Barriere hanno ringraziato il Sindaco Angelo Catapano e il vicesindaco Angelo Prioli, e l'intero Consiglio Comunale  per l'impegno assunto che pone il Comune di Frascineto come tra coloro che hanno dato un segno tangibile alla tutela alle persone con disabilità.

(aggiornamento 16 gennaio)

Fonte: Comunicato stampa SSB, Fish Calabria e Fand Calabria

Link utiliComune Frascineto, Soccorso Senza Barriere, Fand, Fish CalabriaConvenzione ONU

Articoli correlati:

locandina incontro Pianificazione, Disabilità e Gestione dell'’Emergenza a Frascineto Frascineto si impegna a tutelare le persone con disabilità in emergenza

disabilità, cnsimento crotone Crotone: Censimento dei bisogni delle persone con disabilità

censimento persone con disabilità Longobucco: necessità delle persone con disabilità nel piano di protezione civile

barriree architettoniche: bambina in carrozzina davanti a scale per incontro comune di Rende Comune di Rende: incontro sulla disabilità con ANGLAT

Immagine per mappa sinottica disabili Mappa sinottica delle persone disabili: incontro a Reggio Calabria

convegno uniti per non rischiare: Mappa Sinottica della Disabilità Taverna: DGR 135/2015 e la Mappa Sinottica della Disabilità

 

locandina incontro Pianificazione disabilità e gestione dell'emergenza in programma a Casali del Manco il 10 aprile Pianificazione, disabilità e gestione dell’emergenza a Casali del Manco

Locandina incontro Comune Casali del Manco piano di protezione civile A Casali del Manco Piano di Protezione Civile a tutela dei disabili

Logo Regione Calabria. mappa sinottica della disabilità Linee guida per la pianificazione d’emergenza: mappa sinottica della

disabilità

Un operatore della Europe Consultiing in carrozzina durante l'esercitazione di protezione civile ad Amalfi Soccorso in emergenza ai disabili: la Regione Calabria approva modello di intervento

mappatura disabili Lamerzia Terme. riunione 3 commissione consiliare A Lamezia Terme da settembre prende il via la mappatura disabili

uniti per non rischiare: pianificazione, disabilità e soccorso Uniti per non rischiare: pianificazione, disabilità e soccorso

Uniti per non rischiare Uniti per non rischiare: domani incontro su disabilità ed emergenza