9 dicembre 2019

Intervista a Luca Paiardi e Danilo Ragona: una storia di coraggio, autonomia e libertà

Intervista a Luca Paiardi e Danilo Ragona: il loro progetto "Viaggio Italia" è una storia di coraggio, libertà e autonomia, un inno alla vita e alla forza di non arrendersi mai

Il 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, abbiamo intervistato Luca Paiardi, architetto e musicista, e Danilo Ragona, progettista e designer. Hanno fondato insieme "Viaggio Italia", un progetto di viaggio alla scoperta dei limiti e della voglia di superarli o di riconoscerli. Durante i loro viaggi, Danilo e Luca visitano anche le Unità Spinali, il luogo dove si sono conosciuti e dove chi ha avuto un incidente come il loro comincia a capire come riprendere a vivere: vogliono testimoniare direttamente come la vita in autonomia sia possibile. Riportiamo di seguito l'intervista integrale, disponibile sul nostro canale youtube Abili a proteggere. 

(Luca) Perché è importante ricordare la giornata sui diritti delle persone con disabilità? 

Io uso dare un dato quando siamo in giro con Danilo: nel mondo siamo quasi 7 miliardi, le persone con disabilità sono quasi 1 miliardo, forse più di 1 miliardo adesso, quindi vuol dire che dovunque nel mondo c'è una persona su sette che ha una disabilità di qualsiasi tipo e vuol dire che questo tema interessa quasi tutti noi perché o noi stessi o un parente o un amico può avere una disabilità. Il fatto di ricordare in questa giornata i diritti delle persone con disabilità serve a portare avanti un processo culturale verso l'integrazione per passare da una situazione di difficoltà a una situazione di piena integrazione nel contesto sociale.

Il progetto "Viaggio Italia" come nasce e come si sviluppa in Italia e all'estero?

Luca Paiardi e Danilo Ragona: una storia di coraggio, autonomia e libertà

(Danilo) Con Luca Paiardi abbiamo fatto partire questo progetto di viaggio perché l'intenzione, nel 2015, era quella di raccontare le possibilità da un altro punto di vista, ma soprattutto per raccontare come oggi la tecnologia ci permette di vivere esperienze che magari 30 anni fa non riuscivamo a fare. Non siamo supereroi, ma con Luca abbiamo cominciato a girare l'Italia e poi ci siamo aperti al mondo. Viviamo esperienze non solo sportive, più o meno estreme, grazie anche al fatto che ci sono aziende, atleti, associazioni, che ci permettono di vivere queste esperienze. Dal 2017 abbiamo creato una collaborazione con Rai 3, con la trasmissione "Kilimangiaro", e raccontiamo le nostre esperienze di viaggio anche attraverso la televisione per far vedere che si può vivere in piena autonomia e si possono vivere esperienze veramente di ogni genere in tutto il mondo.

Viaggio Italia sta crescendo. Cosa state facendo in quest'ultimo periodo?

(Luca) Viaggio Italia ha avuto sempre un obiettivo di fare comunicazione usando diverse strategie: l'ultima, già in cantiere da diverso tempo, è stata quella di dare alla luce il nostro primo libro, un libro di fumetti, insieme a un fumettista molto promettente di Torino, Marcello Restaldi. In questo libro viene raccontato il primo grosso viaggio che abbiamo fatto nel 2016 girando tutta l'Italia: partendo da Torino abbiamo percorso tutta la penisola arrivando in Sicilia, risalendo per la Sardegna, facendo esperienze di ogni tipo, dalle esperienze culinarie, culturali e sportive.

Oggi siamo al Dipartimento della Protezione Civile nazionale. Come Abili a proteggere trattiamo i temi di protezione civile e disabilità, ci racconti una tua esperienza di emergenza?

Io abito in collina vicino Torino, un giorno è crollata una strada (a causa di un'alluvione) dove passo con la macchina. L'accesso era riservato solo alle persone a piedi, ma era stretto e non era stato pensato per il passaggio di una carrozzina, quindi questa disattenzione nel non pensare proprio in termini progettuali all'accessibilità per chiunque mi ha costretto a stare per pochi giorni chiuso in casa. Poi è arrivato fortunatamente il Sindaco del mio Comune, che si è messo a disposizione per fornire piena disponibilità alle mie esigenze.

Ringraziamo Luca Paiardi e Danilo Ragona per aver raccolto con entusiasmo il nostro invito. Buon viaggio e buona avventura. 

Niente di Speciale è la sezione del sito dedicato alle interviste della redazione Abili a proteggere, perché non esistono bisogni speciali ma specifiche necessità. 

Interviste Niente di speciale:

 Intervista a Vincenzo Falabella, presidente della Fish Onlus

Niente di speciale Intervista a Nazaro Pagano Fand Nuovo appuntamento di #NienteDiSpeciale con Nazaro Pagano, presidente di Fand

intervista a Iacopo Melio Iacopo Melio a #NienteDiSpeciale: un paese più accessibile è un paese per tutti

 Intervista doppia ad Anna e Chiara: disabilità e resilienza

 Intervista a Giampiero Griffo, Osservatorio nazionale disabilità

Intervista Luca Pancalli Luca Pancalli, CIP: lo sport è integrazione, inclusione, cultura

Intervista ad Anpas Intervista a Carmine Lizza: responsabile nazionale ANPAS Protezione Civile

Niente di speciale Intervista a Paolo Ruffini #NienteDiSpeciale: intervista a Paolo Ruffini

Intervista a Consuelo Agnesi architetto per la progettazione inclusiva e accessibilità Intervista a Consuelo Agnesi: progettazione inclusiva e accessibilità

Intervista ad Agnese Rossi protezione civile e disabilità cognitiva Intervista ad Agnese Rossi: protezione civile e disabilità cognitiva

Intervista a Stefano Zanut Intervista a Stefano Zanut: soccorso e disabilità in emergenza

 #NienteDiSpeciale: intervista a Roberta Speziale di Anffas

Intervista a Oney Tapia#NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Oney Tapia

Intervista Gian Antonio Stella #Nientedispeciale #NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Gian Antonio Stella

niente-di-speciale-intervista-a-susanna-balducci-articolo #NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Susanna Balducci

niente-di-speciale-intervista-a-susanna-balducci-articolo #NienteDiSpeciale: oggi la prima intervista su disabilità e protezione civile

Link utili e fonte foto: Viaggio Italia