5 novembre 2019

Intervista a Vincenzo Falabella, presidente della Fish Onlus

Il 23 ottobre abbiamo intervistato Vincenzo Falabella, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap. Sottolinea l'importanza della mappatura, dell'informazione e formazione delle persone con disabilità

La redazione di Abili a proteggere il 23 ottobre ha incontrato, presso la nuova sede della Federazione, in Via Filippo Corridoni 13, Vincenzo Falabella, presidente della FISH, Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap. Costituita nel 1994, è un'organizzazione di secondo livello cui aderiscono tante e diversificate associazioni (specificate in calce all'articolo) impegnate in politiche mirate all’inclusione sociale delle persone con differenti disabilità. Pubblichiamo di seguito un estratto dell'intervista.

Chi è Vincenzo Falabella?

Vincenzo Falabella è una persona con disabilità acquisita che oggi ricopre un ruolo importante quale presidente nazionale della Federazione italiana per il superamento dell'handicap.

Quali gli obiettivi più importanti che la Federazione persegue per rappresentare al meglio le associazioni federate?

I principi della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità sono diventati il manifesto principale attraverso il quale la Federazione e le organizzazioni ad essa appartenenti cercano di lanciare come sfida al Governo per garantire pari opportunità ed uguaglianza dei diritti.

Insieme alla Fand siete interlocutori delle istituzioni, quali linee state portando avanti con il Governo attuale?

Siamo stati auditi dal presidente incaricato allora presidente Conte, oggi presidente in carica del Consiglio dei Ministri, e abbiamo cercato di confrontarci con lui proprio per porre i temi delle disabilità come temi importanti dell'agenda di Governo e che il Governo si assuma responsabilità politiche necessarie e non più rinviabili proprio per cercare di dare dignità e pari opportunità alle tante persone, alle tante famiglie che vivono con una disabilità, proprio perché crediamo che l'articolo 3 della nostra Carta costituzionale, ma nella sua completezza la nostra Carta costituzionale, possa essere garantita giorno per giorno.

Tra i temi che la Federazione ha in agenda è presente anche quello della diffusione di una maggiore consapevolezza dei rischi tra le persone con disabilità?

Certamente è un tema molto presente nel dibattito politico: nel nostro movimento cerchiamo di attenzionare quelle che sono le criticità ma soprattutto di costruire una cultura ed un progetto politico che vada nella direzione di risolvere queste criticità e garantire soprattutto quella dignità che è prevista dalla nostra Carta costituzionale. Occorre una responsabilità da ambo i lati: da una parte, la macchina organizzativa deve conoscere le esigenze delle persone, ma soprattutto deve avere ben chiara una mappatura, per conoscere dove vivono le persone, con quale disabilità e il contesto sociale e familiare, d'altra parte le stesse persone con disabilità devono informarsi sui rischi dei propri territori in modo che possano affrontare l'emergenza in maniera coesa e in maniera sinergica con chi va ad intervenire per prestare e portare a loro sicurezza e attenzione.

Accennava alla mappatura, ci può spiegare l'importanza di questa misura?

Innanzitutto credo che sia necessario e doveroso che chi interviene sappia chi trova all'interno di un'abitazione o di un luogo, di conseguenza sapere che in un'abitazione vi è la presenza di una persona con disabilità motoria piuttosto che con altre disabilità è necessario e indispensabile proprio per armonizzare gli interventi e far sì che quegli interventi diventino efficaci ed efficienti per garantire l'incolumità della persona e di chi interviene a proteggere quella stessa persona.

Cos'è per lei la disabilità?

Più che per me la disabilità è un concetto in evoluzione negli ultimi anni, non è una malattia ma è l'interazione con l'ambiente esterno, più ostile questo è più viene elevato il grado di disabilità. 

Cosa può essere fatto per far conoscere alle persone con disabilità e ai loro familiari quali sono i rischi che ci sono nel nostro Paese?

Informare e formare soprattutto le persone, contaminare la comunità di appartenenza per far sì che la disabilità venga considerata come una risorsa e soprattutto che i rischi che riguardano e possono riguardare le persone con disabilità possano essere arginati e avere così un impatto meno invasivo rispetto alla vita quotidiana dei nostri cittadini.

Come possono collaborare Fish e Fand per la diffusione di buone pratiche di protezione civile?

Già lo stiamo facendo da diverso tempo. I momenti di confronto all'interno di convegni, di momenti partecipati in protezione civile piuttosto che in altri organismi territoriali fa sì che venga alimentata quella cultura del sapere che è importante tanto per chi deve fare protezione civile quanto per chi deve ricevere l'attenzione degli organismi e soprattutto degli operatori che si occupano di protezione civile in questo Paese.

L'intervista a Vincenzo Falabella è disponibile nella versione integrale e sottotitolata sul nostro canale youtube Abili a proteggereNiente di Speciale è la sezione del sito dedicato alle interviste della redazione Abili a proteggere, perché non esistono bisogni speciali ma specifiche necessità

FISH. Le organizzazioni nazionali federate alla FISH sono ABC – Associazione Bambini Cerebrolesi, ADV – Associazione Disabili VisiviAICE – Associazione Italiana Contro l’Epilessia, AIPD – Associazione Italiana Persone DownAISA – Associazione Italiana per la lotta alle Sindromi Atassiche, AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, AISTOM – Associazione Italiana Stomizzati, ANFFAS – Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, ANGSA – Associazione Nazionale Genitori di Soggetti Autistici, ANIEP – Associazione Nazionale per la promozione e la difesa dei diritti delle persone disabili, APICI – Associazioni Provinciali Invalidi Civili e Cittadini Anziani, Associazione Italiana Sindrome X Fragile, DPI – Disabled Peoples’ International Italia, ENIL Italia Onlus – European Network on Independent Living, FAIP – Federazione Associazioni Italiane Para-tetraplegici, Fantasia – Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger, FIADDA – Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi, FINCO-PP – Federazione Italiana Incontinenti e disfunzioni del Pavimento Pelvico, FNATC – Federazione Nazionale Associazioni Trauma Cranico, Lega del Filo d’Oro, Parent Project Onlus. Per l'elenco delle organizzazioni aderenti benemeriti consultare il sito della Fish.

Ringraziamo il presidente Vincenzo Falabella per la disponibilità e lo spirito di collaborazione dimostrati, ed Eleonora per il supporto organizzativo. 

Interviste Niente di speciale:

Niente di speciale Intervista a Nazaro Pagano Fand Nuovo appuntamento di #NienteDiSpeciale con Nazaro Pagano, presidente di Fand

intervista a Iacopo Melio Iacopo Melio a #NienteDiSpeciale: un paese più accessibile è un paese per tutti

 Intervista doppia ad Anna e Chiara: disabilità e resilienza

 Intervista a Giampiero Griffo, Osservatorio nazionale disabilità

Intervista Luca Pancalli Luca Pancalli, CIP: lo sport è integrazione, inclusione, cultura

Intervista ad Anpas Intervista a Carmine Lizza: responsabile nazionale ANPAS Protezione Civile

Niente di speciale Intervista a Paolo Ruffini #NienteDiSpeciale: intervista a Paolo Ruffini

Intervista a Consuelo Agnesi architetto per la progettazione inclusiva e accessibilità Intervista a Consuelo Agnesi: progettazione inclusiva e accessibilità

Intervista ad Agnese Rossi protezione civile e disabilità cognitiva Intervista ad Agnese Rossi: protezione civile e disabilità cognitiva

Intervista a Stefano Zanut Intervista a Stefano Zanut: soccorso e disabilità in emergenza

 #NienteDiSpeciale: intervista a Roberta Speziale di Anffas

Intervista a Oney Tapia#NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Oney Tapia

Intervista Gian Antonio Stella #Nientedispeciale #NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Gian Antonio Stella

niente-di-speciale-intervista-a-susanna-balducci-articolo #NienteDiSpeciale: Abili a proteggere intervista Susanna Balducci

niente-di-speciale-intervista-a-susanna-balducci-articolo #NienteDiSpeciale: oggi la prima intervista su disabilità e protezione civile